Così Parlò Za…grebelsky

Vi fu, un tempo, una breve ma infuocata disputa sul ruolo dello Stato nel terzo Millennio: dopo fu il silenzio. Passò qualche attimo, in seguito a una breve meditazione il Maestro si alzò e con voce grave, seguito dai fedeli, disse:


Credo in molti Dei,
Padri costituenti,
creatori dei diritti e dei doveri,
di tutta la macchina statale leggera e ben gestibile
Credo in un solo Signore,
Stato italiano,
da 30 anni in logorio,
nato nel ’48, prima di milioni di leggi:
Libertà nell’uguaglianza, collettività nella proprietà,
politica vera per libertà vera,
quella limitata, regolata,
al servizio del pubblico Bene;

per mezzo di Lui  tutte le tasse sono state create.
Per l’Italia e per la sua salvezza  tassò i cittadini,
e per opera di politici competenti
si è avuta la Crescita come per magia 
e si è fatto Debito.
Subì l’attacco per noi dello Spread impazzito,
tassò e prese tempo.
Le prime liberalizzazioni minacciò,
di concerto coi sindacati, le mise in soffitta,
insieme ai tagli annunciati.
E di nuovo verrà la speculazione,
per sottrarci i nostri diritti,
e il suo intervento non avrà fine.
Credo nella Bontà della Politica,
che dà  vita alle istituzioni,
e procede dal padre al figlio,
e con amici e parenti ha creato e perpetrato
strutture a spese dei contribuenti
Credo nella Repubblica,
una, indivisibile e fondata sul lavoro.
Professo una religione civile
di cerimonie e di parate.
Aspetto la risurrezione di Pertini
e il default dell’Italia che verrà.

Amen.

                                                                                                                                                                                                                                        Nicolò Bragazza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...