Cappuccini e studenti allo sbando

Una giornata di vacanza quella che si sono presi il 12 ottobre migliaia di studenti in molte città d’Italia.

In qualche piazza si è visto qualche sparuto gruppo di sedicenni senza idee che inneggiava alla rivoluzione, a Che Guevara, a 1984 e prendeva di mira le sedi delle banche. Sarà per il chiasso che facevano questi ultimi, ma nessuno ha parlato di quelli che hanno approfittato di una delle ultime giornate di clima estivo. Quelli che si sono goduti la colazione con gli amici e le ” vasche” per i centri storici, senza la pioggia e l’aria autunnale che imperversano da questo week end. Quelli che hanno preso per il culo a seconda di come girava chi era a scuola a sgobbare e chi, invece, era in piazza ad urlare contro il mondo. Loro in piazza c’erano e si facevano un cappuccino, gli altri invece c’erano ed erano incappucciati.

Ai cappucci ho sempre preferito i cappuccini.  

                                                                                                                                                                                                                                           Nicolò Bragazza

Annunci

2 thoughts on “Cappuccini e studenti allo sbando

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...