Uber e la Cattiva Storia

L’applicazione Uberpop sta dividendo il Paese ed il governo. Sugli aspetti positivi dell’applicazione molto è già stato detto; il fenomeno fa sicuramente parte della più generica tendenza, prodotta dalle tecnologie della comunicazione, di dare a tutti la possibilità di prestare servizi che non richiedono competenze particolari: un esempio di ciò è come Airbnb abbia enormemente allargato l’offerta nell’ambito dei soggiorni a pagamento.


Un’ottica tutto sommato trascurata è quella dei tassisti, i veri, intimi e profondi avversari di Uber; sono loro infatti che si troverebbero di fronte un nuovo, invisibile concorrente: la gente! Lo scenario può sembrare un po’ naif, ma considerate che la categoria che subisce direttamente il danno in questo caso non è quella dei classici e stereotipati monopolisti, seduti dietro una scrivania e timorosi per la perdita di qualche punto di profitto, parliamo piuttosto di lavoratori/imprenditori, che vivono l’applicazione come una concreta minaccia alla sicurezza economica. taxi-1

Abbiamo dunque chiarito la “forma” del problema: si può danneggiare acutamente un gruppo specifico per arrecare alla società un beneficio? Raramente IlBocconianoLiberale parteggia per la comunità, ma questo è uno di quei casi; dal nostro punto di vista infatti il mondo si evolve nel tempo sfruttando un semplice quanto antico concetto di efficienza: un mestiere che grazie a sviluppi scientifici o applicazioni tecnologiche è ora sostituibile con una funzione più economica (che sia svolta dalla collettività o da gruppi specifici è indifferente) tende, lentamente, ad essere da questa sostituito.


Con la categoria dei tassisti è infine facile avere un rapporto sentimentale di estrema gratitudine spesso dovuto a disparati salvataggi notturni, ma le logiche in termini più estesi sono diverse e se così non fossero vivremmo ancora tra lampionai, tagliatori di ghiaccio, intrattenitori di operai, spadari, svegliatori, cristallari, ascensoristi e conduttori di carrozze.

Nicola Rossi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...