Nichilisti* che sognano di essere famosi come Vasco Brondi

Sei un ragazzetto viziato, che per la sindrome di accettazione nel gruppo ha i sensi di colpa per le ricchezze dei padri, e come remissione di esse, poiché le COLPE dei padri ricadono sui figli, cerchi disperatamente di aggrapparti a miti che tutti conoscono e che tu con tanta impegnata costanza spacci per alternativismo. Sì, colpe, perché negli ambienti verso cui sei portato a implorare con servilismo l’accettazione e un basso surrogato di amicizia, la ricchezza è considerata una colpa, perché incarna il principale esempio di ciò che ti ha sempre tenuto in vita, mandato a scuola e fatto uscire la sera a bere qualche drink con tanto ghiaccio e tanto alcool, e quindi così come nella psicanalisi il figlio deve uccidere il padre per cercare di trovare un senso e consolidare il proprio “io”, così tu, che sei praticamente stato cresciuto dal e nel denaro, trovi in esso il padre contro cui schierarti, protraendo ai quasi 20 anni quello che normalmente accade a 16 anni (anche se, bisogna ammetterlo, su questo potresti avere ragione, se fossi abbastanza intelligente da dirlo, che le tv series americane hanno protratto l’adolescenza un po’ di tutti, ma questo solo perché in genere gli attori che impersonano i 15enni hanno più di 20 anni).

Condanni il capitale perché non sei in grado di accettare che senza quei quattro drink che offri e quelle bretelle che ostenti probabilmente non toccheresti quelle ragazzette di cui poi racconti grandi romanzi erotici agli amici per suscitarne l’invidia, o che racconti a te stesso per suscitarti un po’ d’orgoglio, sperando di ridurre il rancore, il disprezzo e l’insicurezza che tu tanto esistenzialisticamente ti ostini a chiamare “vuoto interiore” o “male di vivere”, come un poeta che di guerre mondiali ne ha viste due, e non intendeva certo una “mancanza di like” alle proprie foto su facebook quando ne parlava. 

Dici di guardare alle filosofie orientali per giustificare il basso voto in filosofia al liceo, o più probabilmente per non aver studiato filosofia alle superiori, come ribrezzo a una sciocca forma di sudditanza culturale che col tuo comportamento tu stesso fai di tutto per confermare e cementificare, e perché Nietzsche e Schopenhauer, gli unici filosofi che tu abbia letto (perché Adelphi ne vende libriccini sottili sottili ed esteticamente molto simpatici da avere in libreria), dicono alla lontana di rifarsi alle filosofie orientali, ma solo perché nell’Ottocento c’era un forte orientalismo, ma soprattutto prima avevano studiato tutta la filosofia Occidentale, che, ti informo nel caso non lo sapessi, è andata avanti ed è sopravvissuta anche dopo di loro. Perfino quella cattolica, sì, i cui valori son per te così forti, che la tua unica voce per respingerla si perde fra una bestemmia detta con un ghigno, invece che con un sorriso.

Giri coi ragazzi che hanno i tuoi stessi soldi in tasca, forse appena meno, per apparire il brillante illuminato che a maggior ragione non fa distinzioni di censo, come se nel mondo civile ci fosse davvero ancora qualcuno che fa distinzione di censo, ma è evidentemente quello che credi avvenga nel mondo ideale che così duramente persegui a combattere, per dare entità e dignità d’esistenza al mondo ideale cui dici di appartenere.

Ma la verità è che senza le menzogne che costruisci “sui tuoi nemici”, non ti resterebbero che quattro povere e misere verità su te stesso, che sei un ragazzetto che probabilmente in terza media la più bella della classe non si filava, come tanti, come tutti.

 

“Allora invece di farci la morale, di guardarci con antipatia, dovresti guardarci con affetto. Siamo tutti sull’orlo della disperazione, non abbiamo altro rimedio che guardarci in faccia, farci compagnia, pigliarci un po’ per il… in giro. O no?”

*”Nichilisti coi cocktail in mano che sognano di essere famosi come Vasco Brondi” diventava oggettivamente lungo.

 

 

Andrea Inversini

Annunci

Confused libertarians sulla politica estera

Quando le questioni di politica estera sembrano nascondere sotto il tappeto i giganteschi problemi che il nostro paese deve affrontare in campo economico, ecco che noi liberali mostriamo tutta la nostra inadeguatezza dinanzi agli scenari geopolitici e al ruolo che dovrebbe avere il nostro Paese sullo scacchiere internazionale.
Inizia la guerra delle fazioni: i liberali pro Putin e i liberali pro Stati Uniti; i liberali pro Israele e i liberali pro Palestinesi (non ne ho mai visti, ma presumo che ci siano, non foss’altro per l’insopprimibile voglia di distinguersi dal gregge). E, ovviamente, come ogni tifoseria che si rispetti, le argomentazioni sono per lo piu’ scadenti e del tipo: ” Gli US sono un faro di liberta’ e democrazia, Putin e’ un dittatore che non rispetta i diritti umani, quindi Ucraina libera” e altre stupidaggini di questo tenore. Non che gli USA non siano un faro di liberta’ e democrazia e Putin non sia un dittatore, ma da queste affermazioni non consegue “Ucraina libera” e non consegue nemmeno la legittimita’ di sanzioni francamente ridicole e che non fanno altro che esasperare il confront0.
Non mi voglio dilungare e quindi non vi diro’ quali siano le mie idee in merito a questi temi che decidono alcuni equilibri su base regionale e non mondiale. Pero’ vorrei provare a punzecchiare gli amici liberali su un punto: dopo aver fatto tutti i discorsi su cosa conviene agli US o alla Russia o a Israele, possiamo per favore concentrarci su cosa converrebbe fare al nostro paese? Il suo ruolo deve essere sempre forzatamente appiattito agli interessi di altre potenze (anche contro i nostri interessi) o, in un mondo che sembra destinato a diventare sempre piu’ multipolare, ha senso chiedersi che ruolo potrebbe giocare a livello europeo e mediterraneo? europe2

Nicolo’ Bragazza

Hanno ucciso chi?

Questa galleria contiene 1 immagine.

Vi siete fatti fuori con le vostre mani, nonostante i soldi dei contribuenti, ma continuate imperterriti a fare gli straccioni.  Siete ancora ed oggi come sempre dei pover-acci, e basta! Nicolo’ Bragazza

La profezia di Nietzsche: “Compagni, il socialismo è dispotismo”

Questa galleria contiene 1 immagine.

“Il socialismo è il fantastico fratello minore del quasi spento dispotismo, di cui vuole raccogliere l’eredità; le sue aspirazioni sono quindi nel senso piú profondo reazionarie. Giacché esso ambisce a una pienezza di potere statale, quale solo qualche volta il … Continua a leggere

$13.900.000.000

Premessa: non siamo filosofi, non siamo giuristi, non psicologi né tantomeno seguaci di Ippocrate. Molto più umilmente aspiriamo a diventare eccellenti economisti. Ed è proprio dal punto di vista prettamente economico che il tema in questione verrà trattato. Ora, l’Economista … Continua a leggere

PUBBLICO:DEL POPOLO,DEI POLITICI O DEL POPOLO AMICO DEI POLITICI?

Questa galleria contiene 1 immagine.

Il 12-13 Giugno 2011 si è svolto il referendum abrogativo vertente le materie: legittimo impedimento, energia nucleare e liberalizzazione di alcuni servizi degli enti pubblici. Il comitato promotore per il “Si all’acqua pubblica” tuttavia nella sua campagna referendaria ha posto … Continua a leggere

Maometto eroe capitalista

Questa galleria contiene 1 immagine.

Dopo le ondate antiterroristiche che hanno caratterizzato il post 11 settembre –dai libri di Oriana Fallaci ai fastidiosi controlli agli aeroporti- nella patria del kapitalismo e della koka kola è nato un diffuso risentimento antislamico, da certuni visto in contrapposizione … Continua a leggere

Cappuccini e studenti allo sbando

Questa galleria contiene 1 immagine.

Una giornata di vacanza quella che si sono presi il 12 ottobre migliaia di studenti in molte città d’Italia. In qualche piazza si è visto qualche sparuto gruppo di sedicenni senza idee che inneggiava alla rivoluzione, a Che Guevara, a … Continua a leggere

La grande truffa della Tobin tax

Questa galleria contiene 1 immagine.

Finalmente, dopo un biennio di sacrifici, di austerità e di tensioni sociali, i duri sforzi dei popoli europei avranno fine! Dopo mesi di tentennamenti, l’Unione Europea è pronta ad implementare la tanto dibattuta Tobin Tax, riequilibrando il peso del risanamento … Continua a leggere

Un gorgo chiamato INPS

Questa galleria contiene 1 immagine.

Nei concitati giorni che seguirono la nomina di Mario Monti a primo ministro lo scorso Novembre, il Governo aveva identificato il sistema pensionistico italiano come una delle aree che più urgentemente necessitavano di un’intervento. Mentre le lacrime della Fornero finivano … Continua a leggere

Capitalismo in 18 minuti

Questa galleria contiene 1 immagine.

‎18 minuti. 1060 secondi. Forse penserete che sia stato il tempo necessario per scrivere questo articolo. No, vi assicuro. Molti di più. Forse penserete che sia l’introduzione di una ricetta culinaria oppure controllerete l’orologio per capire cosa stia per succedere. … Continua a leggere

La rivolta di Atlante

“Lei parla come se stesse combattendo per qualche sorta di principio, Mr. Rearden, ma ciò per cui sta realmente combattendo è la sua proprietà, non è vero? “ “Certo, senza dubbio. Sto combattendo per la mia proprietà. Capisce il tipo … Continua a leggere

Hayek, Che Guevara, John Galt

Questa galleria contiene 4 immagini.

Guardate le immagini qui sotto: Credo che nessuno possa dire di non aver mai visto la prima. Tutti conoscono la maglietta del Che e molti la conservano ancora, chi per nostalgia della giovinezza e chi invece per atteggiarsi da rivoluzionario. … Continua a leggere

Il dilemma morale degli evasori fiscali

Questa galleria contiene 1 immagine.

Mario Monti ha recentemente sottolineato come l’evasione fiscale costituisca uno dei principali problemi italiani con riferimento a: tensioni sociali e reputazione internazionale. In questo articolo cerco di occuparmi di evasione in termini di teoria della giustizia. In particolare, propongo un … Continua a leggere

Le menzogne sul New Deal

Questa galleria contiene 2 immagini.

Gli statalisti nostrani sono a corto di argomenti. Viziati da decenni di mancato contraddittorio, vivono l’esistenza di una sempre meno flebile voce liberale/mercatista in Italia con un misto di sorpresa e spaesamento. Di fronte al venir meno del loro scontato monopolio, … Continua a leggere